Architetti e architetture del secondo Novecento a Torino e in Piemonte.

CICLO DI 14 INCONTRI

Sono stati richiesti al CNAPPC n. 2 crediti formati professionali per ciascun incontro.

Gli incontri si terranno il lunedì alle ore 17,30 ogni 15 giorni a partire dal 13 settembre 2021.

Con questo ciclo di incontri IN/Arch Piemonte si propone di contribuire alla conoscenza di opere di architettura del secondo novecento, opere meno note, spesso ai margini della storiografia ufficiale, ma che nascondono contributi preziosi per ricostruire la storia dei luoghi insieme alle intenzioni, ai linguaggi e alle tecniche dell’architettura; opere spesso sospese nell’oblio o quantomeno sradicate dal contesto storico a cui andrebbero ricondotte. Si tratta di edifici che spesso rischiano di essere snaturati, demoliti, sacrificati sull’altare del mercato immobiliare o dell’aggiornamento funzionale e tecnologico. Eppure nei decenni che vanno dalla ricostruzione al “boom economico”, una generazione di architetti formatasi durante il regime o a cavallo della guerra, si esprime con opere molto significative, talvolta riconducibili ad un dibattito internazionale. Sono gli anni della maturità dei grandi maestri del Movimento Moderno, ma anche dei primi segnali della crisi dei dogmi della modernità.

A Torino e in Piemonte alcuni architetti si esprimono interesse per le tradizioni spesso negate, con una nuova attenzione ai contesti locali, dove la modernità dialoga con le matrici insediative, dove si intrecciano logiche economiche, tecniche, politiche e nuove idee dell’abitare. Altri si impegnano sui temi dell’edilizia sociale, dei servizi e dei luoghi del lavoro, le cui carenze assumono rilievo drammatico nel corso dei rapidi processi di inurbamento e industrializzazione. Altri ancora, rivelano un’attenzione al design che porterà l’Italia ad essere nota nel mondo per la qualità della sua ricerca nel campo del prodotto industriale.

Le opere di questo periodo, pur nella loro precaria frammentarietà all’interno di un paesaggio urbano oggi radicalmente trasformato, sono testimonianza della energie e delle idee che hanno animato l’architettura del secondo dopoguerra, più impegnata sul piano della responsabilità tecnica, intellettuale e sociale del mestiere, del rapporto con l’impresa e con la committenza, che al consolidamento di una dottrina accademica. Architetture talvolta sviluppate dentro un processo di aggiornamento della formazione professionale e di sviluppo tecnologico della produzione edilizia, ma anche di forti spinte speculative che coinvolgono le città e i territori, con diffusi esiti di degrado del paesaggio e dello spazio pubblico. Per queste ragioni, quella stagione è stata, nel suo scenario complessivo, spesso giudicata sfavorevolmente. Anche gli strumenti della tutela, con il passaggio da 50 a 70 anni della soglia per il vincolo dei beni di proprietà pubblica, sembra aver confermato questa damnatio memoriae.

Organizzazione e coordinamento IN/Arch Piemonte: Davide Derossi – Franco Lattes – Paola Valentini

Comitato scientifico Elena Dellapiana – Luca Gibello – Guido Montanari – Sergio Pace

Photo by Filip Kominik on Unsplash

PROGRAMMA

Architetti e architetture del secondo Novecento a Torino e in Piemonte

RITRATTI

Carlo Mollino – Lutrario (1951) – Torino

Moderatore: Maurizio Ternavasio 

Relatori : Sergio Pace, Laura Milan 

13/09/2021 Lutrario, Torino 

Ignazio Gardella – Case Borsalino (1952) – Alessandria

Moderatore: Guido Montanari 

Relatori : Sergio Boidi, Stefano Andrea Poli 

27/09/2021 – Urban Lab, Torino

Mario Passanti – Uffici tecnici del comune di Torino (1957-1959) – Torino 

Moderatore: Luca Gibello  

Relatori: Elena Dellapiana, Michele Bonino 

11/10/2021 Urban Lab, Torino

BBPR – Edificio Residenziale in piazza Statuto (1959-1961) – Torino

Moderatore: Elena Dellapiana  

Relatori: Sergio Pace, Paolo Scrivano 

08/11/2021Urban Lab, Torino

Vittorio Gregotti, Lodovico Meneghetti, Giotto Stoppino  – Palazzo per uffici in via San Gaudenzio (1960) –  

Moderatore: Luca Gibello  

Relatori: Matteo Gambaro,  Emilio Battisti

22/11/2021 Castello del Valentino, Torino

Domenico Morelli – Grattacielo della Rai  (1962-1968) – Torino

Moderatore: Sergio Pace 

Relatori: Marianna Gaetani, Vittorio Nascè

06/12/2021 – Urban Lab, Torino

Elio Luzi e Sergio Jaretti – Torri Pitagora (1965-1964) – Torino 

Moderatore: Davide Derossi

Relatori : Maria Luisa Barelli, Davide Rolfo 

07/02/2022 Urban Lab, Torino 

Marco Zanuso, Eduardo Vittoria – Stabilimenti Olivetti  (1971) – Scarmagno 

Moderatore:  Luca Gibello 

Relatori: Emanuele Piccardo, Elena Dellapiana 

21/02/2022 – Castello del Valentino, Torino

Amedeo Albertini  – Centro Incontri Regione Piemonte (1971-1973) -Torino 

Moderatrice: Paola Gribaudo

Relatori: Guido Montanari, Elena Dellapiana 

07/03/2022Castello del Valentino, Torino 

Gae Aulenti    Città Studi  (1987) – Biella

Moderatore : Luca Gibello

Relatori : Carlo Ravagnati,  Cesare Piva

21/03/2022 Città Studi , Biella

Enzo Venturelli – Rettilario (1957-1960) – Torino 

Moderatore: Andrea Bruno jr 

Relatori: Manuel Ramello,  Gentucca Canella 

04/04/2022 Aula 1 V Castello del Valentino, Torino

Bruno Zevi – Biblioteca Civica 

Luigi Einaudi  (1963-1964)  – Dogliani  

Moderatore: Manuel Ramello 

Relatori: Gentucca Canella, Stefania Dassi  

02/05/2021Castello del Valentino, Torino

Giorgio Raineri – Complesso scuola materna e casa multipiano (1965-1968) – Torino 

Moderatore: Franco Lattes

Relatori: Michela Rosso,  Paolo Mellano 

16/05/2022 – Urban Lab, Torino

Francesco Dolza – Edificio Residenziale in Piazza Don Albera ( 1963-65) – Torino

Moderatrice: Cristiana Chiorino

Relatori: Luca Gibello, Andrea Megna

30/05/2022 – Urban Lab, Torino

LE PREMESSE DEL PROGETTO: CONOSCERE PER MODIFICARE QUI

IL PROGRAMMA COMPLETO QUI

CON IL PATROCINIO E LA COLLABORAZIONE DI:
logo regione piemonte
logo città di torino
logo DAD